6 aprile 2008

IGT Bianco - Jermann - Vintage Tunina 2005

Uve: Sauvignon Blanc, Chardonnay, Ribolla Gialla, Malvasia Istriana e Picolit
(Come dice Giacomo Tachis "le % sono per le ricette farmaceutiche")
Titolo Alcolometrico: 13,5% - (33€)
Giudizio:


A Farra d'Isonzo (Gorizia) nascono i celebri vini di Jermann. Hanno tutti come unico comune denominatore la qualità.
Vintage Tunina. Chi, fra gli appassionati di vino, non ha mai sentito parlare o apprezzato questo celebre bianco? Io fino ad oggi la seconda delle domande.


Quindi oggi, dopo una gita a Villa Adriana, perché pur essendo di Roma – e me ne vergogno - mai prima d’ora avevo visitato un capolavoro d’arte del genere a soli 30km dalla mia città, sono stato a pranzo al ristorante Tenuta di Rocca Bruna dove ho scelto per accompagnare il pranzo l’eccezionale vino sopracitato, il Vintage Tunina 2005.

E’ un blend di vitigni (Internazionali: Chardonnay e Sauvignon Blanc + le uve della regione Friuli: Ribolla Gialla, Malvasia Istriana e il Picolit) esempio di come un grande bianco possa nascere fermentando in semplici vasche d'acciaio, senza il ricorso necessario alle barrique.

Profumo elegante, di grande impatto e complessità, si aprono immediatamente note floreali di fiori bianchi e fruttati (pesca, ananas, susina). Lasciandolo ossigenare rivela sentori balsamici e di frutta secca.
Al gusto è ben equilibrato, molto morbido ed estremamente fresco con finale persistente. Non posso che condividere i 5 grappoli assegnati dalla guida AIS Duemila Vini 2008.

L’abbiamo abbinato a un pranzo a base di pesce ma per la “corposità” del vino ritengo sia possibile accompagnarci anche piatti di carne bianca. E’ consigliato di servire a 12-14°C, aprirendo la bottiglia qualche minuto prima del consumo.

1 commento:

nonsolodivino ha detto...

È garanzia di notevole livello ad ogni annata. Un blend che unisce grandi complessità.