Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2011

Per brindare un compleanno...

Ieri per festeggiare il compleanno di mia moglie questi i vini che accompagnavano la cena:



Bernoir Lahaye Cuveè Prestige
Sterpi 2005 - Vigneti Massa
Fiano 2009 - Ciro Picariello
Sciakk 2009 - Ka Mancinè
A'Vita 2009 - A'Vita
Rosso del Conte 1999 - Tasca d'Almerita
Barbera Ai Suma 1997 - Braida

Non appena ho un attimo ne racconterò qualcuno...

I sognatori del gusto all'Open Colonna

Lunedì 30 maggio sarò all'Open Colonna dove Antonello Colonna ospita I Sognatori del Gusto.

Sarà Paolo De Marchi, ideatore e curatore di Identita Golose, a presentare la cena-spettacolo fatta a 10 mani da 5 giovani e talentuosi chef che offriranno un assaggio della loro cucina d’autore garantendoci un esperienza che definirla cena è poco.

Sul palco ci saranno:
Valerio Centofanti de L'Angolo d’Abruzzo, Pietro d’Agostino del ristorante La Capinera da Taormina, Nicola Fossaceca del ristorante di famiglia Al metrò di San Salvo, Enrico Pierri del SanLorenzo di Roma e Michele Rotondo della Masseria Petrino a Palagianello.

Vi ricordo che l’appuntamento sarà alle 20.30 all’Open Colonna, al Palazzo delle Esposizioni, Roma.

Se volete venire anche voi (ve lo consiglio) questi i contatti per info e prenotazioni:
Numero verde: 800 825 144
Open Colonna tel. +39 06 47822641


Bibenda Day 2011: giudizio finale

Immagine
Ero rimasto sino al giorno prima incerto se parteciparvi o meno, visti gli impegni a casa (impegni bellissimi :-)) e lo scetticismo che avevo raccontato ieri.


Non mi attendevo - mea culpa non essermi messo al corrente - la partecipazione di tutti i grandi produttori dei vini che avremmo degustato, a cui il Dott. Giacomo Tachis ha dato tanto, durante la sua carriera.

Come enologo e come amico.

(altre foto qui)

Produttori che, uno ad uno, hanno vivamente e dal profondo ringraziato Giacomo Tachis per averli aiutati nella fase iniziale della loro azienda e aver creato, grazie a lui, GRANDI VINI.
Dopo aver sentito raccontare le loro esperienze vissute assieme ero già contento di non essermi perso l'evento. (anche se confermo che avrei preferito degustare un numero maggiore di bottiglie meno recenti)

Questi i vini presentati e degustati:

Massimo Billetto - Terroirs di Toscana: quattro territori interpretati con classe
Guidalberto 2008 Tenuta San Guido
Saffredi 2007 Fattoria Le Pupille
Sammarco 2…

Bibenda Day 2011

Domani andrò al Bibenda Day 2011 con la partecipazione di Tachis e di tutti i produttori.Alla festa ITALIANA del vino le bottiglie saranno solo "nostrane". Italiane intendo.
Mi mancheranno - molto - Champagne, Pinot Noir e Rielsing, ma posso condividere l'impostazione data all'evento visto il 150ennale.Personalmente però vedo un leggero calo dei vini bevuti rispetto agli scorsi anni, soprattutto viste le annate che andremo degustare.
Voi che ne pensate?
A seguire vi elenco i vini dei tre eventi precedenti.
BibendaDay 2010:
BELLAVISTA - Franciacorta Gran Cuvée Pas Operé Tradizione 1997FERRARI - Trento Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 1989CA’ DEL BOSCO - Franciacorta Riserva 1979DIEBOLT VALLOIS - Champagne Blanc de Blancs Brut Fleur de Passion 2002BOLLINGER - Champagne Rosé Brut La Grande Année 2002NICOLAS MAILLART - Champagne Premier Cru Brut Millésime 1982 (Dégorgement 2009)
LIVIO FELLUGA - Colli Orientali del Friuli Rosazzo Bianco Terre Alte 2002ALOIS LAGEDER - Alto …

Il grande amore non muore mai!

Belle news da Alba durante l'evento Nebbiolo Prima 2011:

Dante Scaglione dopo 3 anni di consulenza torna a lavorare come enologo da Bruno Giacosa.
Riprende quindi il matrimonio che, nei precedenti 16 anni di lavoro assieme, aveva portato a risultati eccellenti!

Vigna Cicogna 2009 - Benito Ferrara

Immagine
Un Greco di Tufo con la G maiuscola.E' prodotto dal 1991 da Gabriella Ferrara nell’azienda fondata dal padre.I 3 ettari del vigneto cru Vigna Cicogna crescono su di un pendio che varia dai 450 ai 600m slm a San Paolo nel comune di Tufo (AV). A guyot e con una densità media di 6000 ceppi/ha, le vigne, sono esposte a est su di un terreno argilloso/sabbioso di origine vulcanica con notevoli quantità di zolfo nel sottosuolo.
La vendemmia è tardiva. Le uve sono raccolte manualmente in cassette di legno e trasportate in cantina nella seconda/terza decade di ottobre. Diraspatura, pressatura soffice ed una fermentazione in acciaio a temperatura controllata. Dopo 7 mesi in acciaio il vino viene affinato in bottiglia per ulteriori 2 mesi prima di uscire sul mercato.
Un bel giallo paglierino brillante con riflessi dorati.Molto intenso al naso con note di pompelmo ed agrumi che aprono, per poi esser accompagnati da belle note minerali, di nocciole, di fiori bianchi ed un finale di spruzzi sulfu…