Post

Visualizzazione dei post da 2010

BUON 2011!!!

Immagine

... sta arrivando....

Immagine
... arriverà con un bel regalo Babbo Natale?... non so, magari un Montepulciano Valentini 2006 ...

Emanuele Rolfo e i suoi vini

Immagine
Sono entrato in contatto con Emanuele Rolfo via Vinix.
Un valido produttore che non avevo avuto in precedenza il piacere di conoscere.

L’Azienda Agricola Cà di Cairè è a Montà d’Alba, uno dei comuni più a nord del cuneese, nella zona del Roero a sinistra del fiume Tanaro.
Fondata nel 1979 dai genitori, Francesco e Amalia, l'azienda è ormai da qualche anno gestita da Emanule, enologo che, in base alle esperienze fatte precedentemente presso altri viticoltori, applica la "sua" filosofia produttiva in cui crede.

I vigneti dell’azienda sono in una zona del Roero dal microclima particolarmente favorevole, lungo pendii ben esposti al sole su di un terreno sabbioso ricco di fossili.
Sono concimati a letame e, nel ciclo produttivo, Emanuele pone particolare attenzione in uno dei punti cruciali per ottenere vino di qualità: le tecniche in vigna. Nel suo caso fondate sull’interpretazione del territorio. La vendemmia è manuale.

Altrettanta cura Emanuele l’ha in cantina dove applica moder…

Taber riserva 2004 - Cantina Bolzano

Immagine
A volte le cantine sociali non sono una garanzia per vini buoni.
Non è così soprattutto in Alto Adige.

Il termine buono è infatti sminuente quando bevi un Taber di Cantine Bolzano, l’azienda nata nel 2001 dall’unione di Cantina Gries e Cantina Santa Maddalena.

E’ dai vigneti a Gries a 250mt slm, su terreno argilloso e ad esposizione costante al sole, che prende vita il vitigno autoctono lagrein da cui se l’annata lo permette nasce il Taber Riserva.

A Santa Maddalena si concentrano invece sulla schiava, grazie anche al terreno sabbioso del versante del Renon, a est rispetto a Bolzano.

Il Lagrein per il Taber viene vendemmiato molto tardi, metà ottobre, e dopo la vinificazione passa 1 anno in barrique di 1 e 2 passaggio per finire poi 6 mesi in bottiglia prima di uscire sul mercato.
Il 2004 bevuto ieri era eccezionale.

Dal bel granato impenetrabile, un naso ampio con frutti di bosco scuri, liquirizia, note balsamiche, accompagnati da humus, tabacco e spezie.
Anche in bocca ottima struttura, con…

Antoniolo - Gattinara

Immagine
Dopo le giornate trascorse nelle Langhe, mi sono spostato nel nord del Piemonte. Ahimè toccata e fuga.Avrei voluto il tempo per conoscere diversi produttori della zona, da Boca a Bramaterra, da Ghemme a Lessona, ma il tempo è tiranno e mi sono concentrato nella visita pianificata da Antoniolo a Gattinara, in provincia di Vercelli, dove ritrovi archeologici attestano che, sin dai tempi dei romani, vi si produceva il Nebbiolo chiamato tradizionalmente Spanna.(ricordiamoci che il Gattinara divenne una DOCG nel 1990 -Gattinara in purezza o con il 10% di Bonarda o Vespolina, ndr).
Dopo l’ottimo pranzo a Romagnano nel ristorante alla Torre accompagnato da Boca Le Piane 2003 (qualità!!!), siamo arrivati a destinazione.Gattinara è un paesino carino, peccato le innumerevoli grandi fabbriche che ha intorno.
Accolti da Lorella Zoppis Antoniolo abbiamo cominciato a conoscere l’azienda e la sua storia.
Fu fondata nel 1948 dal nonno, il Cav. Mario Antoniolo, che perseguì sin da subito l’obiettivo di p…

Un bel giro in Piemonte

Immagine
Lo scorso fine settimana ho trascorso alcuni giorni in Piemonte. Ahimè il tempo non era il massimo, pioggia costante e fitta. Macchina fotografica chiusa nello zaino e quindi in giro a scoprire cose nuove.
Domenica a Barolo visita culturale. Prima tappa in mattinata al WIMU (wine museum), aperto al pubblico il 13 settembre nello storico Castello Falletti. Dal sito web o al TG confermano il grande successo. Personalmente sono rimasto un po' deluso. Non è che mi attendessi nuovità sul mondo del vino che seguo con passione, ma come ha detto l'assessore regionale del Turismo Alberto Cirio "piace a turisti italiani, stranieri, alle famiglie e ai bambini", persone quindi fuori dal mondo del vino che lo scoprono in quell'occasione.
Anche la degustazione alla cieca del Barolo mi ha lasciato perplesso. Non hanno voluto confermare alla fine i nomi dei vini/produttori, ma due bottiglie non erano albeisa ... è vero che il disciplinare dice che per la commercializzazione devono esser…

TSTP: Chiaror sul Masso

Immagine
Per il tasting panel, 6 sommelier si sono seduti intorno al tavolo a scoprire e degustare questo nuovo spumante brut (metodo charmat) a base di Timorasso: il Chiaror Sul Masso - Cascina i Carpini di Paolo Ghislandi.Per tutti noi era la prima volta che andavamo a scoprire non solo lo spumante a base timorasso ma anche il vitigno stesso. Un vitigno un po' dimenticato in passato a vantaggio di altri di più facile coltivazione, che oggi, grazie a validi produttori, fra cui Ghislandi, stà tornando in auge.L'abbiamo stappata intorno ai 10°c. Avevamo qualche problema di luce della sala ma era evidente un bel giallo paglierino, limpido e con un perlage fine e di buona persitenza.Fine anche al naso. Sono emerse subito note di citronella, di sambuco e di mela verde, tutte accompagnate da belle spruzzate di fiori di campo e note minerali.In bocca molto fresco, con una bella sapidità e la spalla acida in bocca che ti accompagnava sino alla fine della lunga persistenza, richiamando fuori l…

E' nato ...

Immagine
... il mio sito di foto...

La nuova guida Slow Wine 2001

Ecco come leggere la lista:Riconoscimenti alle Cantine:1) Chiocciola: simbolo assegnato a una cantina che piace in modo speciale per come interpreta valori (organolettici, territoriali, ambientali e identitari).
2) Bottiglia: riconoscimento assegnato alle aziende che hanno espresso un’ottima qualità media su tutte le bottiglie prodotte.3) Moneta: a quelle cantine che hanno presentato una gamma di etichette dall’ottimo rapporto tra la qualità e il prezzo.Riconoscimenti ai vini:1) Vino Slow: bottiglie che, oltre a una qualità organolettica elevata, riescono a condensare nel bicchiere valori di tipo territoriale, storico e identitario che desiderano far conoscere ai lettori.2) Grande Vino: bottiglie dalle elevate qualità organolettiche3) Vino Quotidiano: prodotti che costano fino a di 10 € in enoteca, dall’eccellente rapporto tra la qualità e il prezzoVal D’AostaLes Crêtes, La VrillePiemonteLe Piane, Antichi Vigneti di Cantalupo, Bianchi, Cantina del Pino, Roagna – I Paglieri, Giuseppe Ri…