18 maggio 2008

Fèlsina Berardenga Fontalloro IGT 2004

Vitigni: Sangiovese 100%
Titolo Alcol.: 14% - (35€)
Giudizio:

Fèlsina è una “terra di frontiera”. Si estende, dove ha termine il Chianti e iniziano le Crete Senesi, sul territorio della Berardenga verso Siena.
Fèlsina è quindi una varità di climi, di paesaggio, di terreni, perché gli 11 vigneti sono caratterizzati da suoli e microclimi diversi, unici nella loro particolarità. Nelle parti più elevate è dominante la formazione arenaria dei Monti del Chianti mentre più a sud, sul lato delle "Crete", il paesaggio si modella sui terreni lasciati dal mare pliocenico con sabbie, ghiaie, ciottoli e sedimenti marini. Da questi differenti terroir sono nati differenti crus di Sangiovese.

Da quì il Fontalloro, un Sangiovese che riassume in se il meglio le caratteristiche del Chianti Classico della Berardenga coniugandole con quelle del Sangiovese tipico delle crete senesi.

Vino dal colore rubino con riflessi granato, di una buona intensità.
Dopo alcuni minuti di ossigenazione si è presentato al naso evoluto con un profilo olfattivo elegantissimo, dalle mille sfaccettature con bouquet seducente di fruttato di bosco (prugna e ciliegie) e floreale di viola, accompagnati da note speziate di pepe, cannella armonizzate da aromi terziari, nonostante la giovane età già ben presenti, fra i quali cuoio, tabacco, sentori di liquirizia e terra bagnata.

Al gusto mostrava ancora in parte l’irruenza dei giovani tannini ancora ben presenti anche se già piuttosto morbidi e godibili, appena amarognolo, con un bel nerbo acido, di una freschezza inaspettata e un corpo interessante che lascia presumere un'evoluzione straordinaria.

Ottima corrispondenza retrolfattiva fruttata e speziata veramente lunghissima. Con un po’ di pazienza nel far affinare in bottiglia i tannini ancora un po' duri raggiungerà un equilibrio perfetto.

Dettagli della produzione (estratti dalla Fèlsina):

Denominazione: Indicazione Geografica Tipica Toscana
Vitigno: Sangiovese in purezza 100%.
Vigneto: Il vigneto Fontalloro o Poggio al Sole all’interno del Chianti Classico e i vigneti Casalino e Arcidossino all’interno della denominazione Chianti Colli Senesi.
Forma di Allevamento: Guyot semplice con un massimo di 5/8 gemme per ceppo.
Età Vigneti: Anche oltre 50 anni. Dagli anni 90 il comparto viticolo viene trasformato e rinnovato secondo un progetto di ricerca e sperimentazione che vede nel Sangiovese il vitigno di elezione.
Altitudine: 400 metri sul livello del mare.
Esposizione: Sud-Ovest.
Terreno: Molto calcareo nel Chianti Classico e molto limoso e sabbioso sul confine con le Crete senesi.
Ceppi per Ettaro: 5400.
Raccolta: A mano, in due epoche diverse, selezionando le uve migliori.
Vinificazione: Pigiatura e diraspatura delle uve. Temperatura di fermentazione tra i 28/30° C. Durata della macerazione da 16 a 20 giorni. Follature automatiche programmate giornalmente. Svinatura dopo il periodo di macerazione. Fermentazione malolattica. Trasferimento in barriques a Marzo-Aprile. Maturazione in legno per 18/20 mesi. Assemblaggio in acciaio. Affinamento di 8/12 mesi in bottiglia.

A seguire un interessante degustazione condotta da Andrea Burde (ViceCampione Europeo Sommelier quest'anno a Gennaio) sul Fontalloro presso la sua Trattoria Burde vicino Firenze.

Nessun commento: