22 luglio 2008

Pietramarina 2005 e il tordo Matto

Vitigni: Carricante 100%
Titolo Alcol.: 12,5%
Giudizio:

Nasce da un territorio particolare ed è frutto di un vitigno autoctono, il Carricante, coltivato esclusivamente sull’Etna. E’ una varietà estremamente tardiva (seconda-terza decade di ottobre) con un contenuto di acidità totale moto elevato, allevata ad alberello su terreni sabbioso-vulcanici, in parte su piede franco, nel versante est dell'Etna presso Caselle, ad un’altitudine di circa 1000 metri SLM.

Alla vista si presenta con un colore giallo paglierino molto trasparente impreziosito da riflessi dorati. Al naso il suo ventaglio olfattivo è intenso e ampio ed esprime aromi puliti e raffinati, spaziando da un’insistente nota minerale di sfondo, a fiori di campo, seguiti da aromi fruttati di ananas e d’agrumi. Al palato ha una buona corrispondenza con il naso, un attacco fresco e la sua beva è trascinante grazie alla sapidità minerale e ad un importante acidità. Il finale è decisamente persistente con retrogusto ammandorlato.

Azienda Vinicola Benanti

L’ho bevuto ieri per accompagnare un eccellente pranzo nel ristorate di uno dei giovani chef emergenti d’Europa, Adriano Baldassarre: Il Tordo Matto a Zagarolo.

Adriano Baldassarre, ha iniziato la sua esperienza accanto ad Antonello Colonna a Labico, ha quindi proseguito allo Zafferano e alla Locanda Locatelli a Londra.
Circa un paio di anni fà ha quindi aperto il Tordo Matto, un delizioso, piccolo ristorante a conduzione familiare, nel centro storico di Zagarolo, ricavato in un antico forno.
Consiglio sempre la prenotazione per il numero limitato di coperti disponibili che contraddistinguono il locale e lo rendono tranquillo e piacevole anche in serate come a S. Valentino (altra occasione in cui l’ho frequentato), ed eravamo in 14 a riempire completamente il delizioso ristorante.

La sua cucina è caratterizzata da una particolare attenzione alla qualità delle materie prime, e dalla creatività, pur nel rispetto dei sapori e degli equilibri delle tradizionali ricette regionali
Per apprezzarla vale la pena provare:
Polpette di coda alla vaccinara
Cappuccino di baccalà (un must da non perdere!)
Cannolo croccante di burrata, trota e scalogno caramellato
Risotto di midollo, calamari e limone candito
Lavorando sulla carbonara
(un raviolo ripiedo di uovo
E per dolce…. pera e cioccolato.. a dir poco eccezionale!
Il servizio in sala è eccellente e ti fa sentire estremamente a tuo agio come fossi a casa tua

Nessun commento: